Seleziona una pagina

I dolci tradizionali giapponesi sono uno sfizio che non puoi non conoscere se vuoi essere un vero intenditore di Cucina Orientale. Quante volte hai cenato nel tuo ristorante di Sushi preferito senza sapere con quale dessert terminare il tuo gustosissimo pasto? la motivazione è che al di là del gelato fritto, della banana fritta e della frittella al cocco tramandata dai nostri genitori negli anni 90′ quando ci portavano al ristorante cinese, sono in pochi quelli che davvero conoscono il delizioso mondo della pasticceria giapponese e non cinese. Un mondo ampio fatto di sapori unici, ma soprattutto di ingredienti inaspettatamente dolci!

Anche i dolci tradizionali giapponesi seguono la stessa rigorosità e la stessa precisione della cucina giapponese salata, le composizioni, le consistenze e gli impasti sono frutto di bilanciamenti ben calibrati nell’uso degli ingredienti. E’ noto ormai quasi a tutti che lo specifico mondo della pasticceria richiede ancora più meticolosità e pignoleria rispetto a quello della cucina nelle sue altre sfaccettature e settori, non solo per un discorso di sapore e di gusto ma anche per un obiettivo estetico! un dolce deve essere buono, ma anche bello perchè rappresenta un peccato di gola che deve essere consumato prima con gli occhi e poi con il palato.

Wagashi è il termine utilizzato per indicare il mondo dei dolci tradizionali giapponesi. “Wa” significa armonia, “gashi” significa dolce,

Esistono tanti diversissimi dolci tradizionali giapponesi ma oggi vogliamo raccontartene 3, i nostri preferiti.

  • yokan: gelatine di zucchero e kanten, una gelatina ottenuta dalla lavorazione di particolari alghe. Di solito hanno forma quadrangolare e sono di piccole dimensioni, da mangiare in un solo boccone. Agli ingredienti può essere aggiunta la pasta di fagioli rossi, la farina di fagioli neri, il miso bianco, il tè verde. E’ un ottimo dessert per il mondo dei vegani e si presta bene nell’accompgnare una tazza thè verde freddo o caldo. Lo puoi trovare in diversi colori, strati e dimensioni.
  • Anpan: si tratta di un panino dolce ripieno di pasta zuccherata di Azuki o fagioli bianchi e sesamo nero. Ideale per spuntini e merende e moto semplice da preparare. Venne inventato nell’800 in Giappone da un ex Samurai.
  • Mochi: tra i dolci tradizionali giapponesi i Mochi sono tra i più noti e inizialmente erano dedicati al Capodanno, adesso sono tra i più richiesti e puoi trovarli in tutte le stagioni, anche da Goki. Morbide polpettine di pasta di riso ripiene di gelato in diversi gusti o farciti con marmellata di fagioli rossi, guarniti con frutta in pezzi e zucchero a velo.

Esistono davvero diverse tipologie di dolci tradizionali giapponesi e per elencarli tutti dovremmo aprire una rubrica di cucina, noi di Goki abbiamo i nostri dolci fatti in casa che puoi gustare alla fine della tua cena o del tuo pranzo a base di sushi. Cosa Aspetti?